Archivi tag: moda

Svelata in anteprima la “Nuvola” di Fuksas

Fools Journal

In assoluta anteprima è stato possibile visitare la “Nuvola” di Massimiliano e Doriana Fuksas, ovvero il Nuovo Centro Congressi dell’Eur di Roma che dovrebbe essere terminato entro il 2015. L’occasione è stata la sfilata di alta moda organizzata dalla Maison Gattinoni, che ha fatto sì (con mille difficoltà) che le porte del cantiere fossero aperte e che la gente potesse esperire la suggestione dei tre organismi distinti che compongono la struttura: la parte interrata, che comprenderà le sale dei congressi, la “teca” che ospiterà la cosiddetta “Nuvola” con l’auditorium da 1850 posti e la “lama”, un hotel di 441 stanze.

http://www.fuksas.it/

View original post

Annunci

MILANO, NATALE 2013: MUSEI E MOSTRE APERTE.

La vigilia di Natale (24 dicembre 2013) e i giorni di Natale, Santo Stefano, San Silvestro, Capodanno e l’Epifania tutte le sedi espositive milanesi rimangono aperte: non solo Palazzo Reale – con le mostre dedicate a KandinskijPollock e gli IrascibiliRodinWarhol e “Il volto del 900” – e il PAC, che ospita la personale di Adrian Paci; ma anche la sede “straordinaria” di Palazzo Marino, che accoglie in Sala Alessi la Madonna di Foligno di Raffaello, e la Fabbrica del Vapore che ha allestito nella sua Cattedrale lo spettacolo multimediale in 3D dedicato all’arte di Van Gogh.
Negli stessi giorni, inoltre, si potrà visitare la mostra-focus dedicata a Pellizza da Volpedo e al Quarto Stato, inserita nel percorso del Museo del Novecento, o il percorso esperienziale di “Brain” allestito nelle sale del Museo di Storia Naturale: entrambi i Musei, infatti, sono aperti durante tutte le festività.
Così come aperte restano le sale di Palazzo Morando | Costume, Moda, Immagine, che ospita quattro mostre: una dedicata a Coco Chanel nei ritratti di Marion Pike, un’altra, fotografica, che racconta la “Milano tra le due guerre” e i suoi Navigli; una terza che ripercorre la storia della maschera dal Cinquecento ai giorni nostri; e un’ultima dal titolo “Veni, vidi, Verdi”che rappresenta in un percorso di videoinstallazioni quella “donna mobile” protagonista delle opere verdiane.