Archivi categoria: fotografia

ENZO PELLEGRINI, SEGNI.

Annunci

Annunciati gli scatti finalisti del Sony World Photography Awards 2014

Fools Journal

Il Sony World Photography Awards 2014 ha appena annunciato le nomination per la vittoria finale nelle sue tre categorie Professional, Open e Youth. Solo per quest’anno, il numero di fotografie candidate era  139.544: un record assoluto per la competizione, che ha dovuto fare un lavoro minuzioso di selezione degli scatti finalisti, che rappresentano dunque il top del top. Ecco, di seguito, un breve selezione. I vincitori saranno annunciato tra marzo ed aprile.

http://worldphoto.org/

View original post

Fools Travel – Il Botswana nelle incredibili fotografie aeree di Zack Seckler

Fools Journal

Scatti mozzafiato, realizzati dall’alto di un aereo ultraleggero, che raccontano con toni poetici e sognanti la meraviglia della natura africana: è questo “Botswana“, il progetto fotografico dell’artista americano Zack Seckler, il quale ha ritratto l’omonimo paese in maniera irresistibilmente accattivante. Da vedere e rivedere.

http://www.zackseckler.com/

View original post

“Bed Time” di Arnaud Montagard

Fools Journal

Gente solitaria che vaga per la città di notte e un’atmosfera surreale, che trasmette l’idea che qualcosa sta per accadere. C’è questo alla base della serie “Bed Time” del fotografo 22enne francese Arnaud Montagard, che ritrae gente che soffre di insonnia alle prese con i propri pensieri mentre il resto del mondo dorme.

http://arnaudmontagard.com/

View original post

“Naturally”: danzatori nudi immersi nella natura

Fools Journal

Danzatori nudi, immersi in spettacolari paesaggi naturali, i cui movimenti creano un tutt’uno con la natura: ecco il meraviglioso progetto fotografico – dal titolo “Naturally” – dell’artista svedese Bertil Nilsson. Mozzafiato!

https://www.bertil.co.uk/

View original post

“Less is more”: i paesaggi surreali di Zoltan Bekefy

Fools Journal

Less is More“: è questo il titolo, nonché la dichiarazione d’intenti, del progetto del fotografo irlandese Zoltan Bekefy. Immagini suggestive, che immortalano paesaggi avvolti dal mistero, in un’atmosfera quasi surreale e sicuramente affascinante.

http://www.zoltanbekefy.com/

View original post

ROMA. IL PAESAGGIO ITALIANO: FOTOGRAFIE DAL 1950 AL 2010.

c1303a43f1b415f3c44de647986015aa68cd4484

Il paesaggio italiano è l’indiscusso protagonista delle 130 fotografie della mostra II PAESAGGIO ITALIANO. FOTOGRAFIE 1950 – 2010 a cura di Walter Liva dal 24 gennaio al 20 aprile 2014 al Museo di Roma in Trastevere.

Nella storia dell’arte il paesaggio appare relativamente tardi, nel Rinascimento, quando Continua a leggere ROMA. IL PAESAGGIO ITALIANO: FOTOGRAFIE DAL 1950 AL 2010.

Mike Hollingshead, il fotografo delle tempeste

Fools Journal

Il cacciatore di tempeste: si può definire così Mike Hollingshead, fotografo statunitense il cui obiettivo artistico è fotografare le condizioni climatiche più pericolose ma, sicuramente, suggestive. Ecco una spettacolare selezione dei suoi scatti-impresa.

http://extremeinstability.smugmug.com/Thumbnail-Galleries

View original post

Pin tower: la nuova milano in mostra

Your own guide

Scade il 5 FEB 14

Sono nauseato di vecchie mure e di vecchi palazzi, di vecchi motivi, di reminiscenze! Voglio avere sott’occhio la vita d’oggi. Tutto si muove, tutto corre, tutto volge rapido
U. Boccioni

Nel 1908 Umberto Boccioni – da poco tornato da un suo viaggio in Russia – si ritrae, colbacco in testa e tavolozza alla mano, sul balcone della sua casa in via Adige a Milano. Nulla di nuovo né di sorprendente: la storia dell’arte è piena di ritratti di artisti, più o meno stravaganti. Perchè allora soffermarsi proprio su questo? Perchè Boccioni in questo autoritratto (conservato a Brera tra le opere della donazione Jesi) non immortala solo sè stesso, ma anche la modernità e la sua azione distruttrice nei confronti del passato. Immortala la città che sale.
Al di là della novità stilistica e pittorica, infatti, la vera rivoluzione sta nella scelta di rendere parimenti…

View original post 223 altre parole

EDWARD HORSFORD.