Archivi tag: # art

Di segni di vita di arte, l’approfondimento: Gauguin oltre le solite opere

Il sasso nello stagno di AnGre

Paul Gauguin Donna Tahitiana 1894  per Il sasso nello stagno di AnGre

Paul Gauguin, Donna tahitiana (1894)

Acquerello, cm 12,5 x 25,5 – Tolosa, Fondation Bemberg

.

L’acquerello della Fondazione Bemberg è un frammento di uno straordinario disegno di Gauguin raffigurante Annah la giavanese seduta su una sedia gialla, con indosso solo un paio di orecchini. Purtroppo sono pochissime le informazioni attendibili sulla modella. Il foglio della Bemberg è incredibilmente sopravvissuto alla distruzione del primo ritratto di Annah sacrificato da Gauguin per eseguire un disegno orizzontale leggermente successivo, anch’esso a pastello, che la raffigurava sdraiata sulla pancia. Per fortuna la parte inferiore del primo disegno esiste ancora sul lato destro del verso dell’immagine finale. Unendo l’immagine della sezione superiore del disegno della Bemberg con quella inferiore del verso del nudo sdraiato si ha modo di esaminare il precedente disegno verticale di Annah andato perduto, un lavoro chiave sotto tutti i punti di vista, che comporta una serie di implicazioni per diversi degli…

View original post 459 altre parole

Annunci

Rashid Rana

Your own guide

Scade il 14 MAR 14

Il mio lavoro è spesso una triplice negoziazione
tra me stesso, quello che di fisico mi circonda
e quello che visualmente ricevo.
Rashid Rana

Caleidoscopiche visioni: così si potrebbero sinteticamente riassumere i lavori di Rashid Rana, l’artista capogruppo della corrente contemporanea pakistana.
Sin dalle sue prime opere, infatti, emerge quest’attenzione al frammento, alla scomposizione dell’unità dell’immagine che ne porta la creazione di una nuova, moltiplicata nei sui elementi costituiti. Come un’esplosione improvvisa, l’universo visibile viene diviso per creare un nuovo ordine; le starde e le piazze di Lahore (città natale di Rana) si trasformano in skyline di astratte città non ancora edificate, così come le consuete e datate opere concepite dalla mente e dalle mani dei padri della storia dell’arte, perdono la loro figuratività e diventano un semplice campionario di tonalità cromatiche.
Utilizzando il fotomontaggio digitale, Rana scompone le tele di pittori barocchi e…

View original post 287 altre parole

The Voice — Edvard Munch

The Scornful Woman — Egon Schiele

Le musicassette artistiche di Benoit Jammes

Fools Journal

Ve ne avevamo già parlato in passato, ma non possiamo che riproporre la bellissima serie dell’artista francese Benoit Jammes dal titolo “Cassette Relooking“: la riproposizione in chiave artistica delle musicassette, iconici oggetti degli anni ’80/’90. Dai film ai quadri, da citazioni culturali al cibo, è un tripudio di colori e creatività!

http://www.flickr.com/photos/sisimissa/

View original post

Horse Studies — Leonardo da Vinci

Svelata in anteprima la “Nuvola” di Fuksas

Fools Journal

In assoluta anteprima è stato possibile visitare la “Nuvola” di Massimiliano e Doriana Fuksas, ovvero il Nuovo Centro Congressi dell’Eur di Roma che dovrebbe essere terminato entro il 2015. L’occasione è stata la sfilata di alta moda organizzata dalla Maison Gattinoni, che ha fatto sì (con mille difficoltà) che le porte del cantiere fossero aperte e che la gente potesse esperire la suggestione dei tre organismi distinti che compongono la struttura: la parte interrata, che comprenderà le sale dei congressi, la “teca” che ospiterà la cosiddetta “Nuvola” con l’auditorium da 1850 posti e la “lama”, un hotel di 441 stanze.

http://www.fuksas.it/

View original post

Fools Travel – Il Botswana nelle incredibili fotografie aeree di Zack Seckler

Fools Journal

Scatti mozzafiato, realizzati dall’alto di un aereo ultraleggero, che raccontano con toni poetici e sognanti la meraviglia della natura africana: è questo “Botswana“, il progetto fotografico dell’artista americano Zack Seckler, il quale ha ritratto l’omonimo paese in maniera irresistibilmente accattivante. Da vedere e rivedere.

http://www.zackseckler.com/

View original post

Un bacio nei versi di Neruda e nel marmo di Rodin

Il sasso nello stagno di AnGre

Rodin, Il bacio (part.)

.

Pablo Neruda, versi da Poesie d’amore e di vita

Se un giorno il tuo cuore si ferma,

se qualcosa smette di bruciare per le tue vene,

se la voce dalla bocca ti esce senza divenire parola,

se le tue mani si scordano di volare e s’ addormentano,

 

Matilde, amore, lasci l tue labbra socchiuse

perché quel tuo ultimo bacio deve durare con me,

deve restare immobile per sempre sulla tua bocca

perché così accompagni anche me nella mia morte.

 

Morirò baciando la tua folle bocca fredda,

abbracciando il grappolo perduto del tuo corpo,

e cercando la luce dei tuoi occhi serrati.

 

E così quando la terra riceverà il nostro abbraccio

andremo confusi in una sola morte

a vivere per sempre l’ eternità di un bacio.

 

#

 

Si alguna vez tu pecho se detiene,

si algo deja de andar ardiendo por tus venas,

si tu…

View original post 369 altre parole

Manuscript Page from Alice in Wonderland — Lewis Carroll