Archivi tag: dipinti

DAMIEN HIRST.

Damien Hirst  è un artista inglese, capofila del gruppo  conosciuto come Continua a leggere DAMIEN HIRST.

Annunci

IL METAFORMISMO.

Immagine

La Rassegna curata dallo storico dell’arte Giulia Sillato, prevede la presenza di 42 artisti con un’opera ciascuno, ma non è una collettiva nel senso comune del termine: è, invece, una vera e propria rassegna di linguaggi artistici che si esprimono senza figura, leggibili con un nuovo metodo di lettura visiva: il METAFORMISMO.
L’IDEATORE E CURATORE: storico dell’arte di scuola longhiana, Giulia Sillato ha teorizzato nel 2010, dopo numerosi anni di indagini e studi, i principi di una nuova visone storico-artistica, fondati su una lettura critica innovativa e rivoluzionaria, con cui riscrive le ultime pagine della storia dell’arte moderna, sostenendo che l’espressione artistica non figurativa, non è mai stata abbandonata dagli elementi formali: essi sono sempre stati riconoscibili leggendo un’opera d’arte con l’ottica della forma, mai distrutta… solo trans-forma-ta.

Data Inizio:02 gennaio 2014
Data Fine: 20 gennaio 2014
Costo del biglietto: gratuito
Luogo: Milano, Palazzo Isimbardi
Orario: 9 – 17 dal lunedì al venerdì
Telefono: 02 7740 6379
Sito web: http://www.ilmetaformismo.eu/

ROY FOX LICHENSTEIN

Panning for Hidden Gems (Christmas Edition)

joebeckerphoto

One chore I accomplish each winter is to edit my photo library for all the photos I neglected to edit earlier in the year. Editing is a thankless task that some notable photographers even suggest is unnecessary due to disk drives being inexpensive. However, it is hard enough for me to find the photos I want when things are edited, let alone when I don’t edit.

Editing, at least for me, has one big added benefit. By going over those thousands of image I took that I didn’t pay a lot of attention to earlier, I always find some hidden gems that I missed earlier (along with lots of dogs – but more on that in a later blog). As my Christmas present to you, I offer a look at some of the hidden gems I’ve found thus far during my editing. Merry Christmas everyone!

View original post

KANDINSKY. PALAZZO REALE, MILANO.

Per chi ancora non l’avesse vista, ecco un interessante approfondimento sull’esposizione.
Kandinsky. La collezione del Centre Pompidou è la mostra sul grande maestro russo che Palazzo Reale di Milano propone dal 17 dicembre 2013 al 27 aprile 2014.
La mostra è promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, da Palazzo Reale, dal Centre Pompidou di Parigi, da 24 Ore Cultura – Gruppo 24 Ore e Arthemisia Group.
Folgorato da “I covoni” di Claude Monet, Kandinsky lascia la carriera universitaria per diventare pittore. Segue un corso di studi classico a Monaco sotto la guida di Anton Azbé e Franz von Stuck.
Sviluppa dunque un pensiero artistico proprio in grado di abbracciare diversi campi dell’arte, dalla pittura alla musica al teatro. In questi ambiti cerca di difendere lo spirituale nell’arte, titolo anche di un suo saggio fondamentale.

IL SEICENTO LOMBARDO ALLA PINACOTECA DI BRERA, MILANO.

Fino al 12.01.2014

Tra tormento ed estasi, la Pinacoteca mostra i suoi gioielli mai visti. Tra Cerano, Morazzone, Procaccini, Tanzio, Fede Galizia, un tripudio di colori in un’enorme quinta teatrale che mischia celeste e terragno, sacro e profano.
In attesa di poter vedere sempre queste opere esposte, come promesso dalla soprintendente Sandrina Bandera, nella futura “Grande Brera”, l’esposizione milanese è un tripudio di colori, un fruscìo di sete e stoffe preziose, un’enorme quinta teatrale in cui  sacro e profano, celeste e terragno si uniscono in un mix che stordisce, inquieta, sublima. Ma è, soprattutto in questi tempi, una coraggiosa mostra di ricerca, di restauro e di riscoperta. Anche per questo merita assolutamente una lunga e meditata visita.

http://www.exibart.com/notizia.asp?IDNotizia=40886&IDCategoria=1

MARK ROTHKO

Hans-Peter Singer

Bob Carey

Le illustrazioni strazianti di Angel Boligan

Fools Journal

Le illustrazioni del disegnatore cubano Angel Boligan sono attraentemente strazianti: raccontano di amori perduti, di cuori divelti, della solitudine di chi passa il Natale da solo o di chi è dipendente dalla realtà virtuale. Disegni eleganti, persone dalle forme allungate, colori tenui: il fascino della tristezza. Bellissime.

https://www.facebook.com/boligan

View original post