Vincent Van Gogh, Japonaiserie: Oiran (da Kesai Eisen)

Il sasso nello stagno di AnGre

Van Gogh Japonaiserie da Il sasso nello stagno di AnGre

V.Van Gogh, Japonaiserie: Oiran (da Kesai Eisen)

1887, olio su tela, cm 105,5 x 60,5 – Amsterdam, Van Gogh Museum

*

L’opera raffigurata è desunta dalla copertina di un numero di “Paris illustré”, che in quell’occasione dedicava le sue pagine al Giappone. Van Gogh mantiene la forma rettangolare disegnata da Kesai Eisen e fa stagliare la donna contro un giallo squillante, che rialza tutti i toni di verde e di rosso: elimina il ramo fiorito e lo sostituisce con un giardino acquatico ad alte canne di bambù, tratto invece da un’opera di un altro celebre maestro dell’ukiyo-e, il mondo fluttuante delle cortigiane ma anche categoria estetico-culturale determinante nell’arte giapponese. Oltre che animale tipico dell’Estremo Oriente, la gru vuole forse suggerire un rimando al mestiere della prostituta, cui è assimilata in Occidente la geisha: in francese grue (gru) è infatti un nomignolo per le prostitute. Da Utagawa Yoshimaru è…

View original post 162 altre parole

Annunci

2 pensieri su “Vincent Van Gogh, Japonaiserie: Oiran (da Kesai Eisen)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...