Vincent Van Gogh, Japonaiserie: Oiran (da Kesai Eisen)

Il sasso nello stagno di AnGre

Van Gogh Japonaiserie da Il sasso nello stagno di AnGre

V.Van Gogh, Japonaiserie: Oiran (da Kesai Eisen)

1887, olio su tela, cm 105,5 x 60,5 – Amsterdam, Van Gogh Museum

*

L’opera raffigurata è desunta dalla copertina di un numero di “Paris illustré”, che in quell’occasione dedicava le sue pagine al Giappone. Van Gogh mantiene la forma rettangolare disegnata da Kesai Eisen e fa stagliare la donna contro un giallo squillante, che rialza tutti i toni di verde e di rosso: elimina il ramo fiorito e lo sostituisce con un giardino acquatico ad alte canne di bambù, tratto invece da un’opera di un altro celebre maestro dell’ukiyo-e, il mondo fluttuante delle cortigiane ma anche categoria estetico-culturale determinante nell’arte giapponese. Oltre che animale tipico dell’Estremo Oriente, la gru vuole forse suggerire un rimando al mestiere della prostituta, cui è assimilata in Occidente la geisha: in francese grue (gru) è infatti un nomignolo per le prostitute. Da Utagawa Yoshimaru è…

View original post 162 altre parole

Annunci

MARCEL DUCHAMP.

ROMA. DUCHAMP – RE-MADE IN ITALY.

1380816971b

In occasione del centenario del primo ready-made creato da Duchamp (Ruota di bicicletta, 1913), la Galleria Nazionale d’Arte Moderna ha organizzato una mostra dove saranno presentati i quattordici ready-made donati da Arturo Schwarz al museo nel 1997, accompagnati da una selezione di importanti opere e di documenti originali, fondamentali per la comprensione del percorso duchampiano. Il progetto espositivo si concentra Continua a leggere ROMA. DUCHAMP – RE-MADE IN ITALY.

ROMA. CEZANNE E GLI ARTISTI ITALIANI DEL XX SECOLO.

25603

 

Dal 4 ottobre 2013 al 2 febbraio 2014

Gli artisti italiani partono dal segno  di Paul Cézanne, tradizionalmente definito “padre dell’arte moderna”, che penetra nei primi anni del scorso secolo nel nostro paese, sia nutrendo la creatività dei protagonisti, sia esercitando un’influenza a livello diffuso.
L’esposizione permette di rileggere diversi aspetti dell’attività dei protagonisti del ‘900 italiano: gli anni della formazione di Morandi, la conclusione dell’esperienza futurista di Boccioni, l’intensità emotiva di Carrà, lo spazio volumetrico di Sironi.

 

Dove: Complesso del Vittoriano, Via di San Pietro in Carcere.